giovedì 5 giugno 2008

la piramide si sta rovesciando?

Oggi, secondo Thomas Mathiesen, filosofo del diritto norvegese, siamo passati da una società di stile panottico (i pochi controllano i molti) a una di stile sinottico (i molti controllano i pochi).

Panopticon: carcere ideale progettato nel 1791 da Jeremy Bentham. Pan = tutti, optikon = osservare. Che un unico guardiano potesse osservare tutti i prigionieri in ogni momento. Capo, guardiano, Dio. Controllore. E tutti gli altri controllati.

Ma oggi la piramide, sembra, si sta rovesciando. Merito anche e soprattutto della rete, di questa rete che corre veloce, molto più veloce delle società e delle organizzazioni ancora basate sullo stile panottico. Vita, innovazione che emerge dal basso.

Quello che spesso dimentichiamo, incantati dalla loro perfezione simmetrica, è che le piramidi egizie erano delle tombe. Forse, chi non cambia e resta nella sua piramide, ci lascerà le penne!

1 commento:

Giuseppe Vitale ha detto...

Resta il fatto che poche famiglie nel mondo, una ottantina, detengono il potere in tutti i settori-chiave. Pensiamo ai Bush che controllano i mercati del petrolio e delle armi, ad esempio. L'internet ha reso più democratica e partecipativa l'informazione ma anche qui il grosso del potere si sta concentrando in colossi come Google, Yahoo, ecc. E comunque la vera rivoluzione che frammenterà il potere è l'autonomia energetica. Avete mai pensato al fatto che se in 2-3 grossi stati del mondo tolgono la corrente elettrica solo per mezza giornata gran parte delle pagine web e dei dati online non sono più disponibili?