domenica 28 agosto 2011

il foglio dei piccoli geometri

Una nuova iniziativa di un caro amico, per commentare alcune notizie dell'infinito (e complicato...) settore immobiliare. Un blog da seguire!

sabato 11 giugno 2011

c'è solo la gerarchia?

E’ realmente possibile rinunciare alle gerarchie in un’organizzazione?
La gerarchia scricchiola, è più volte stata data per morta, ma è sempre ben presente intorno a noi. Le architetture top-down restano predominanti ed aumentano di peso ed importanza all’aumentare delle dimensioni aziendali, tanto che a detta di alcuni autori sono ineluttabili. E del resto il nostro pensiero è intriso di gerarchia, sin da quando Aristotele postulò la supremazia del pensiero sull’azione, della teoria sulla prassi, del sapere sul saper fare, delle attività intellettuali su quelle manuali, delle attività culturali su quelle professionali, e di quelle professionali su quelle artigianali. Ma l’inaspettata efficienza presente in natura e basata su logiche completamente diverse, bottom-up piuttosto che top-down, ci pone qualche punto di domanda. La gerarchia non è l’unica forma organizzativa possibile.

Il resto dell'intervista su eccellere...

sabato 21 maggio 2011

ragionamente complessamente

Una bellissima recensione di Auto-organizzazioni su questo interessante blog, da parte di uno che prende appunti (così si definisce l'autore, Alessandro Beria).

Citando questa recensione, mi fa piacere mettere in risalto due brevi gioiellini, la postfazione di Emilio Bartezzaghi e l'appendice di Piera Giacconi.

La postfazione su auto-organizzazione e nuovi modelli organizzativi” di Emilio Bartezzaghi, professore ordinario di gestione aziendale presso il Politecnico di Milano, che è parola data ad un tecnico e studioso dell’azienda: il quale riprende il filo rosso del discorso del libro e, con un’abilità quanto mai apprezzabile, lo colloca nello spazio di confronto attuale sull’impresa.
Salutiamoci con una fiaba”, di Piera Giacconi. Una fiaba, perché “la realtà non può essere solo condensata in un sistema di equazioni: il complesso, da sempre, va raccontato”. E si sa, la parola è magica. La parola è conoscenza che evolve. Mondi possibili che si realizzano. Leggende che aprono nuovi punti di vista, scorci di lucidità nel complesso che ci circonda.

sabato 26 marzo 2011

primo paragrafo di auto-organizzazioni

Ecco il primo paragrafo di Auto-organizzazioni.

Claude Monet, il grande pittore impressionista, era perfettamente consapevole che tutto cambia, tutto scorre mai uguale a se stesso. Un quadro ferma un istante che non tornerà mai più. Ed ecco che dipinge la cattedrale di Rouen con il primo sole, in pieno sole, a mezzogiorno, la sera, senza mai riuscire ad afferrarla veramente: «Sono costretto a continue trasformazioni, perché tutto cresce e rinverdisce. Insomma, a forza di trasformazioni, io seguo la natura senza poterla afferrare, e poi questo fiume che scende, risale, un giorno verde, poi giallo, oggi pomeriggio asciutto e domani sarà un torrente».

Non lo sapeva, ma Claude Monet ha dipinto l’auto-organizzazione emergente dal basso. Prima ancora di definirla in questo capitolo e poi analizzarne esempi e applicazioni a livello fisico, biologico e sociale, guardiamo un quadro impressionista, per esempio ammiriamo il campo di papaveri conservato al Musée d’Orsay (figura 1).

Le parti, singole pennellate, non hanno alcuna proprietà, ma qualcosa accade a livello dell’intera opera, del sistema, diremmo in termini scientifici: forma, bellezza e ordine emergono come per magia. Per restare affascinati da questa poesia, nel senso etimologico di creazione (dal greco poiesis), bisogna allontanarsi un po’: adottare un approccio sistemico, non analitico. Soffermandosi troppo sulle singole pennellate, si perde il senso generale.

Scrive il premio Nobel per la fisica Robert Laughlin in Un universo diverso: «Un campo di fiori, così come ce lo propongono Renoir o Monet, ci affascina perché costituisce un perfetto insieme unitario, mentre le porzioni di pittura che lo compongono sono forme irregolari e imperfette. L’imperfezione delle singole pennellate ci racconta come l’essenza del dipinto sia la sua organizzazione».

Forma, bellezza, ordine, organizzazione emergenti dal basso come proprietà nuove e inaspettate non possedute dalle singole parti del sistema. Certo, nel caso del campo dei papaveri conservato al Musée d’Orsay si può tirare in ballo il genio di Monet, organizzatore che dall’alto impone il suo disegno all’opera, per quanto, nella creazione artistica, sovente il confine tra razionale e irrazionale sia sfumato. Semplificando, accettiamo di considerare Monet come organizzatore.

In molti fenomeni fisici, biologici e sociali, spesso questo organizzatore non c’è. come se i singoli papaveri dipingendo se stessi e ritoccando i papaveri vicini avessero dipinto l’intero paesaggio. Un tutto, maggiore della somma delle parti costituenti, che non nasce da un progetto prestabilito dall’alto, ma emerge imprevedibilmente da interazioni locali dinamiche: è, quindi, auto-organizzazione. Un altro premio Nobel sul nostro cammino, il fisico Philip Warren Anderson, una vita dedicata a questi temi che si inseriscono all’interno del più generale interessamento per i sistemi complessi, non nasconde lo stupore che si prova davanti al processo dinamico alla base dell’auto-organizzazione: «L’emergenza, in tutta la sua infinita varietà, è il mistero più affascinante della scienza».

Questo libro sarà un cammino nell’infinita varietà, nell’affascinante mistero. Nel primo capitolo ne capiremo innanzitutto la genesi e le caratteristiche principali. Poi, nel secondo e terzo capitolo, ne rappresenteremo alcuni dei più importanti esempi nel mondo fisico e biologico, per poi toccare, nei capitoli quarto e quinto, il mondo sociale e, in particolare, quello delle imprese. Tre auto-organizzazioni (fisica, biologica, sociale) o un unico fenomeno? Una sintesi finale nel sesto e ultimo capitolo. Ma, se è vero che conoscere il territorio è sempre utile, incominciamo dando un’occhiata al contesto di riferimento.

domenica 13 marzo 2011

auto-organizzazioni: da oggi in libreria

E' uscito Auto-organizzazioni. Il mistero dell'emergenza nei sistemi fisici, biologici e sociali, di cui sono co-autore insieme ad Alberto F. De Toni e Lorenzo Ioan.

Edito da Marsilio, si focalizza sul principio dell'auto-organizzazione, che in questi anni di studio della teoria della complessità si è rivelato il tema con maggiori potenzialità per il mondo delle imprese.

Di seguito la quarta di copertina:

In molti fenomeni del mondo fisico, biologico e sociale, l'organizzazione non è imposta, ma nasce spontaneamente dalle interazioni locali delle parti costituenti, così diventando auto-organizzazione. Piante, animali, popolazioni, mercati, come ci fosse un progettista, ma in realtà emergenti dal basso. Gli autori si muovono tra diversi sistemi in un cammino multi-disciplinare ricco di sorprese, per mutuare idee da sviluppare nel mondo socio-organizzativo e in particolare in quello delle imprese. Il risultato ultimo è un nuovo modello organizzativo in grado di assorbire la crescente complessità del contesto competitivo, basato su quattro principi: l'interconnessione richiama le dinamiche delle reti sociali che sfruttano l'effetto small worlds, la ridondanza prevede un eccesso funzionale delle risorse il cui costo è più che compensato nel lungo termine, la condivisione sottolinea l'importanza di un sistema culturale di valori comuni, la ri-configurazione richiede un costante adattamento alle variazioni ambientali e un'ininterrotta ricerca di nuove opportunità. L'emergenza dal basso è il mistero più affascinante della scienza. E, sostengono gli autori, potrebbe essere il futuro più affascinante per le organizzazioni, lontano dai modelli gerarchici tradizionali, vicino a quanti liberano fantasia e creatività per immaginare e costruire un domani non prevedibile. Dedicato agli uomini che accolgono l'emergenza del divenire.

Nei prossimi giorni e settimane conto di postare qualche estratto del libro.

giovedì 10 marzo 2011

piazza wi-fi

Continuo a segnalare la lodevole iniziativa di Wired Italia.

Ci siamo. Mancano pochi giorni e inizieremo la nostra avventura Wi-Fi, quella di dotare 150 piazze (di altrettanti comuni italiani) di una connessione senza fili per navigare su Internet a banda larga.

Qui la lista dei comuni in lizza...

lunedì 28 febbraio 2011

european innovation conference 2011

EIC2011: molto interessante su Open Innovation e New Business Creation. Il fatto che si tenga poi all'Hotel Legoland la rende ancora piú interessante... sicuramente un luogo creativo.

martedì 15 febbraio 2011

martedì 8 febbraio 2011

wi-fi gratuito in piazza a udine


A udine, in piazza XX Settembre, c'é il wi-fi gratuito.

L'iniziativa é lodevole. E' l'innovazione che auspichiamo e di cui abbiamo bisogno.

E l'Italia puó ancora giocare un ruolo da protagonista. Anzi, deve farlo, perché in altri campi la competizione sta diventando proibitiva. E allora l'intangibile, i servizi, e in un senso piú lato, la cultura.

E il Nord-Est puó essere la locomotiva di questo nuovo sviluppo. Perché i soldi ci sono ancora, nonostante tutto. E perché le aperture verso il nuovo e verso diversi vantaggi competitivi sono sempre piú presenti. Io ci vedo anche un link con la proposta di Nord-Est Capitale Europea della cultura 2019.