lunedì 10 marzo 2008

blogosfera, stormi e il senso emergente

Secondo Felter, la blogosfera è come uno stormo di uccelli. Poche e semplici regole di base, senza leader riconosciuti. Pochi individui hanno capito dove andare, gli altri, semplicemente, viaggiano. La meta non conta, conta il viaggiare.

A differenza degli stormi, noi siamo alla ricerca di un senso. In qualunque cosa facciamo. Ma, nella complessità, il senso molto spesso viene dopo. Il senso, molto spesso, è solo ex-post.
Ciò nonostante è importante provare a raccontare il cammino mentre camminiamo. Il racconto, la bozza di un racconto, è in itinere. Dalla bozza di un racconto, meglio, dalle bozze di milioni di racconti che interagiscono tra loro, emergerà il senso. Ciascuno di noi contribuisce a crearlo con uno scritto, un'immagine, un video, un link.

2 commenti:

Felter Roberto ha detto...

Concordo con quello che dici, è che solitamente ti domandano "dove vai?" mentre l'unica domanda a cui puoi dare una risposta è "dove sei arrivato ora?"
Grazie per la citazione, è merito tuo.

lucacomello ha detto...

e comunque l'importante è andare. Non a caso "Viaggio nella complessità" è dedicato... ai viaggiatori che sempre ricominciano il viaggio...